Senza categoria

PALIO SIENA: LA BUSTA NON CAMBIATA, OTTO BARBERI E NON DIECI NELLA FIASCA

09 Luglio 2022

Quante me ne arrivano all’orecchio, tutti scatenati, ma del Palio gli importa la famosa pippa… conta il governo della Città che l’hanno prossimo andrà al voto dei senesi e allora giuuuu ogni cosa, l’impressione che ho è questa e sbaglio a poco ho paura.

Il Drago non girerà domani per solidarietà con le contrade che non hanno corso, ma la festa ci sarà comunque in concomitanza con l’estrazione delle contrade.

Tornando al Palio il vernacoliere senese, Sunto, non si smentisce mai e ci fa sempre sorridere con le sue idee di m…
E’ contro a prescindere, scrive per sentito dire, quando scrive lui, quelle rare volte, e i suoi contenuti sono solo comicità, appunto da vernacoliere.
I suoi inserzionisti, perché se pensate, come detto, che gli scritti sono farina del suo sacco voi vivete nelle nuvolette, lo usano a proprio uso e consumo da sempre.
Il Palio, lo scalare delle contrade, il non cambio di busta, SCANDALOOOO, mi ci scappa da ridere se non amassi troppo il Palio.
Ci sono una serie di volte che doveva essere cambiata la busta e non è stato fatto, ne cito due eclatanti, la prima: viene dato un pugno al Mossiere per evitare che la busta fosse cambiata e non si cambiò.
L’altra ancora peggio per certi versi, Palio rinviato al giorno dopo, non venne cambiata la busta e l’allora Sindaco Piccini si difese in tutti i modi, e ora che dice era per il non cambio busta?
Possiamo tornare indietro nel tempo e trovarne tanti di questi esempi, in pratica a quasi ogni Palio, leggere sotto il regolamento che declina al Mossiere la decisione essendo giudice insindacabile..
La scalatura alla mossa delle contrade è successa sin dalla prima mossa quando il Valdimontone, terzo al canape si ritrova al primo, per l’assenza di Civetta che sarebbe stata lei al primo posto e dell’ Istrice al secondo, di conseguenza lo scalare di tutte le altre Contrade.
Il primo errore è proprio questo ma la Fiasca richiede i dieci Barberi (forse) scalsando così sin dal principio l’allineamento al canape; secondo chi scrive andavano messi otto Barberi e non dieci per avere il vero allineamento, se pur non completandosi il Tubo l’ordine d’ingresso sarebbe venuto lo stesso, vedi foto sotto, i Barberi sarebbero andati in su e giù ma senza però cambiare mai posizione essendo impossibile viste le dimensioni del Tubo..
Il caso ha voluto che ne Istrice ne Civetta alla prima busta fossero andati di rincorsa perché lo scalare della nona alla rincorsa sarebbe avvenuto subito.
Dopo che il Leocorno non poteva più partecipare per il leggero infortunio del cavallo e il Bruco per quello del suo fantino, casomai andava rifatto l’ingresso al canape anche senza loro per l’ordine giusto d’ingresso, ma questo non è contemplato dal regolamento ed è cosa che invece andrebbe rivista per una maggiore regolarità, perché che il decimo Barbero cada nella decima casella quadrata o vada come ultimo nell’ottava tonda nel Tubo credo nulla cambierebbe per come scritto sopra.
La mossa rimane sempre a giudizio insindacabile del Mossiere, dice il regolamento, che avrebbe potuto anche non mandare nessuno di rincorsa e farli partire senza di essa tenendoli tutti dentro il canape, per l’appunto in una prova del 1982 è successa proprio a me quando ero di rincorsa e correvo per la Tartuca con il cavallo Baiardo, dette la mossa e poi mi invitò ad entrare, il Mossiere Ricci, dietro lo stupore mio e di tutta la Piazza e questo senza motivo poiché sarà passato neanche un minuto da quando entrò la nona contrada.
Le altre due buste ancora una volta non vedevano ne Istrice ne Civetta di rincorsa altrimenti sarebbe stato ancora di più avvalorato questo mio discorso.
Questo il mio pensiero e credo che questo scritto possa essere  punto di riflessione per il futuro.

Pier

Il meccanismo si compone di una vasca serbatoio ovoidale dal diametro 6 volte superiore alla cubatura complessiva dei 10 barberi che vi verranno introdotti, e di un tubo a doppia camicia ruotante munito di 9 finestre tonde, numerate dall’1 al 9, e di una finestra quadrata con il numero 10 che indicherà la rincorsa. Tali finestre hanno il diametro leggermente inferiore a quello del singolo barbero. 
Scritto tratto da Ok Siena, la foto è del Consorzio Per La Tutela Del Palio Di Siena

Pier Camillo Pinelli

EX FANTINO DEL PALIO DI SIENA E LA PENSO COSI': "PER FARSI DEI NEMICI NON E' NECESSARIO DICHIARARE GUERRA BASTA DIRE QUEL CHE SI PENSA"
Martin Luther King. per mail: camillopinelli@gmail.com

1 Commento

Clicca qui per postare un commento

  • Bravo Millo,
    hai scritto parole sacrosante sul regolamento del Palio.
    Alla facciaccia di chi vuole strumentalizzare la nostra corsa solo per alimentare la propria campagna elettorale.

    Un abbraccio

    Il Cacaccia

Brontolodicelasua partner di Radioidea TV

BRONTOLO NEWS

Categorie articoli

SPONSOR

SPONSOR