PALIO LEGNANO 2022

PALIO LEGNANO: VEDIAMO COSA, CHI VA CON CHI

17 Marzo 2022

Viste le corse Domenica diamo un’occhiata alle monte più che altro a quelle della Provaccia e che “aria tira”.
Ancora non c’è la decisione finale su quali cavalli puntare per il Memorial se farla quest’anno ancora con gli Anglo Arabo o se tornare ai non mezzosangue.
Intanto il lavoro delle dirigenze con i loro fantini continua sul preparare il Palio che con il ritorno di Pusceddu ha scombussolato probabilmente qualche piano, anche se vero è, che Bighino in qualche modo, le mani ce le ha sempre messe.
La sua monta in San Magno assieme a capitan Zanovello fa fare tanto lavoro politico e credo, conoscendo Valter, che questo rientro lo vuole fare alla grande e di più alla grande della vittoria che c’è?
I suoi cavalli sono andati sempre forte a Legnano, poi ha quel “vecchio” leone che tiene solo per questo Palio e credo che tenterà ancora il colpaccio con lui anche se cavalli, a dire il vero, ne ha per provarci.
Diciamo che le strategie girano molto, e pare, si noti il pare, perché come dico sempre da fuori è dura sapere certi intrallazzi che si creano altrimenti non sarebbe Palio.
Delle fazioni ci dovrebbero essere determinate anche dalle rivalità, Carboni, Pusceddu e forse Zedde tra loro dovrebbero dialogare, assieme alle loro contrade, di fronte si troveranno a causa delle rivalità, Giosuè Carboni e Carlo Sanna, Federico Arri se la dovrà vedere proprio con Valter Pusceddu, mentre Gavino Sanna avrà di fronte Antonio Siri, ed è proprio qui la dissonanza dei rapporti bisognerà vedere a chi si appoggeranno Siri e Gavino assieme alle loro rispettive contrade. Più blanda è la rivalità tra l’Atzeni e lo Zedde sempre riferita alle proprie contrade.
Potremmo quindi fare questo quadro: Carboni, Pusceddu e Zedde.
Mentre gli altri Atzeni, Carlo Sanna e Arri.
A seconda delle rivalità verrebbe da pensare che Siri, cito i fantini ma le contrade sono sicuramente d’accordo con i loro portacolori ed è inutile ricordare che sono loro il fulcro del Palio, dovrebbe appoggiarsi ai primi tre, mentre Gavino Sanna al secondo gruppetto.
C’è una terza possibilità che per diversi fattori potrebbe avvenire, quella di vedere  Giuseppe Zedde e Antonio Siri crearsi un proprio polo oppure addirittura di vedere Zedde e di conseguenza San Ambrogio da soli se Siri e San Domenico vanno con i primi due.
Vediamo, anzi è meglio dire che questo lo vedremo solo il giorno del Palio, naturalmente come scritto sopra sono solo supposizioni cercando di ragionare  il Palio passato, di interpretare quello che hai visto e vedi anche se poi rischi sempre di essere smentito, è Palio, ed il “Gioco” è così….
Dicevamo dei Fantini della Provaccia manca in pratica come “sempre” quello di San Bernardino che viene deciso sempre per ultimo e vicino al Palio.
Ci sono nuovi Farris, Puddu che dopo lunga gavetta giustamente vederemo a cavallo, Niccolò Farnetani che a dire il vero doveva aver già debuttato anno scorso, c’è il ritorno di Chiavassa, mentre Mula, Pacini e Putzu sono stati riconfermati; anche qui come per il Palio la strategia politica segue quella inevitamilmente del Palio, a Legnano le rivalità contano e ne vedremo quindi delle belle..
P.S. il cambio del Fantino obbligato della Flora non cambia nulla. 26-maggio 2022

Pier
RIVALITA’
LEGNARELLO–SANT’ AMBROGIO
SAN MARTINO—FLORA
SAN DOMENICO–S’ERASMO
SAN BERNARDINO—SAN MAGNO

Pier Camillo Pinelli

EX FANTINO DEL PALIO DI SIENA E LA PENSO COSI': "PER FARSI DEI NEMICI NON E' NECESSARIO DICHIARARE GUERRA BASTA DIRE QUEL CHE SI PENSA"
Martin Luther King. per mail: camillopinelli@gmail.com

Aggiungi commento

Clicca qui per postare un commento

Brontolodicelasua partner di Radioidea TV

BRONTOLO NEWS

Categorie articoli

SPONSOR

SPONSOR