PALIO LEGNANO 2022

PALIO LEGNANO: IL DOPO PROVE, SI E’ VISTO COSA?

27 Maggio 2022

Puntuali al consueto appuntamento delle prove del venerdi mattina presso lo Stadio Mari di Legnano, gli otto fantini che tra poco piu’ di due giorni si contenderanno il Palio, scortati dalle rispettive otto dirigenze hanno nuovamente tastato e testato la pista, in previsione delle immininenti scelte che li protenderanno verso l’uno o l’altro soggetto chiamato a rispondere alle aspettative.
Si parte alle sei e trenta con San Magno, per la cui Provaccia di questa sera troveremo per la seconda volta nella sua carriera Mattia Chiavassa, ripreso dall’infortunio, e Valter Pusceddu, per la corsa al Palio di domenica.
Lavoro intenso per quest’ultimo sul puro che pare dunque la scelta ultima con attenzione particolare al canapo sotto le accortezze del mossiere Renato Bircolotti.
E’ la volta di Sant’Ambrogio, con il fantino ormai di “casa” Giuseppe Zedde , affiancato da Giovanni Puddu che difendera’ i colori giallo verdi questa sera. Prova simulata insieme al canapo per loro. Doppio lavoro per lo Zedde che prova quindi un secondo soggetto con stessa prassi.
Quindi Sant’Erasmo, con Gavino Sanna impegnato dapprima in solitaria con il primo soggetto presentato e poi accompagnato da Farnetani, che stasera vestira’ la giubba bianco azzurra.
Carlo Sanna e Antonio Mula fanno il loro ingresso, il primo all’esordio per i colori di Via dei Mille, il secondo da anni confermato per i bianco blu nella Provaccia.
Un solo soggetto presentato per Mula, due per il fantino di Sindia, bene anche al canapo.
Tocca a San Bernardino, e per lui Federico Arri, impegnato per lo piu’ a gestire meglio il soggetto ad un canape un po’ nervoso. Al secondo anno consecutivo per la contrada di Via Somalia, tanta la fiducia e la speranza in lui riposta, in un tete a tete con un Pusceddu atteso dopo la lunga e sentita assenza.
Ritorna in pista accompagnato dal giovane Alessandro Cersosimo, che dopo le passate esperienze a Legnarello, vestira’ bianco rosso.
Ritroviamo Giovanni Atzeni per Legnarello, una giubba che veste dal 2015, anni di consolidamento e al contempo di estenuante attesa… Che chissa’.
Due soggetti provati, il primo con il giovane Michel Putzu, riconfermato anche quest’anno per la Provaccia.
Per i bianco verdi, ancora una volta il gia’ vincente Antonio Siri ( nel 2019) che prova in progressione simultanea con Jacopo Pacini. Torna poi in pista, con il puro che dagli spalti fa sussultare il “suo” popolo che subito riconosce ed applaude.
Chiude La Flora, suo l’ultimo Palio qui svoltosi. Con il Purosangue che ha fatto sognare e giore tanti, se non tutti per le sue virtu’.
Sappiamo dell’obbligata scelta del fantino, Andrea Farris , in sostituzione al qui amato Giosue’ Carboni (vittima di infortunio nel corso dell’ultima riunione di Addestramento al Centro Etrea) . Per La Flora, prova in simultanea con il giovane Salvo Vicino che difendera’ i colori della contrada di Via Ciro Menotti questa sera. Progressione e canapo.

Le accoppiate che si contenderanno la Provaccia di questa sera:

SAN BERNARDINO : Cersosimo/Ziculith
LA FLORA: Salvo Vicino/Uragano Rosso
SAN DOMENICO: Jacopo Pacini/Bramosu de Campeda
SANT’AMBROGIO: Giovanni Puddu/Aio de Sedini
SANT’ERASMO: Nicolo’ Farnetani/ Angelo Rosso
SAN MARTINO: Antonio Mula/Capriolo de Bonorva
SAN MAGNO: Mattia Chiavassa/ Tarocco
LEGNARELLO: Michel Putzu / Zeniossu

Miriana

 

Pier Camillo Pinelli

EX FANTINO DEL PALIO DI SIENA E LA PENSO COSI': "PER FARSI DEI NEMICI NON E' NECESSARIO DICHIARARE GUERRA BASTA DIRE QUEL CHE SI PENSA"
Martin Luther King. per mail: camillopinelli@gmail.com

Aggiungi commento

Clicca qui per postare un commento

Brontolodicelasua partner di Radioidea TV

BRONTOLO NEWS

Categorie articoli

SPONSOR

SPONSOR