Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
<br>Vai a tutti i filmati cliccando sotto su YouTube Youtube_icon_logo

CCCCCCCC

<br>
NEWS 2019

ASTI: IL RESOCONTO DE “LA LEGGENDA DI SAN SECONDO E LA SUA CITTA'” DEL RIONE SAN SECONDO

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

8 APRILE 2019

quinta

La partecipazione alla manifestazione “LA LEGGENDA DI SAN SECONDO E LA SUA CITTA’”è stata un successo, grazie alla presenza un gruppo eterogeneo di oltre 25persone(tra piccini e adulti), che con entusiasmo e attenzione hanno camminato per le vie della “Asti medioevale”alla scoperta dei luoghi del Santo Patrono.Si è partiti da Via Incisa nell’ammirare il Palazzo del Podestà; via Aliberticon la Casa degli Artom e la curiosità dell’affresco con la Sacra Conversazione, Pochi cenni sulla Torre Ponte di Lombriasco nell’attuale Palazzo Gazzelli; la Casa Forte dei Roero di Monteu all’angolo diVia Roero e Piazza san Martino; Torre Deregibus e la derivazione etimologica dei Tre Re.Una sostaallabellissimae misteriosa Torre Rossa la piùantica della città con la narrazione della leggenda di San Secondo e della Sua prigionia.Il culmine dellemeraviglie è stato quando siamo giunti all’Archivio storico e abbiamo ammirato il Codex Astensis o Malabayla e il Codice Catenato grazie alla disponibilitò della Dottoressa Molina (a Lei il nostro sentito e particolare ringraziamento) che oltre ad aprirci le porte dell’Archivionel giorno di sabato,ci ha fatto entrare nella storia attraverso la sua passione trasmettendocil’immenso valoree l’onore di appartenere ad una città con unastoriaimportante che si perde nei secoli.Attraverso le Antiche mura siamo infine giunti con i nostri piccoli galloni ad omaggiare le reliquie del Santo nella cripta della Colleggiata.Un buon pranzonella Sala delle Vittorie della sede dell’Associazione Palio San Secondo ha chiuso questa bella e importante mattinata che haregalato ad ognuno di noi ladi consapevolezza e ammirazione verso chi ci ha preceduto nei secoli tracciando un solco nella storia che ancora oggi si coglie.Un grazie Grazie a Silvia Duretto responsabile del Corteo storico bambiniche ha pensato e ideato questo percorso, Guya Loddo, Paola Picillo e Elisa Giurato e Mauro Ferracin tutti componenti della Commissione Corteo bambini a chi ha collaborato in cucinae al Salumificio Quadro di Ferrere che ha donato gli ottimi salumial Rettore Mauro Nebbiolo che con la Sua presenzaci ha aiutato a domare l’energia di questinostri giovani Galloni.”

Mauro Ferracin

24004c3f-51e2-44a9-963d-ccb20ae8bb6af14b4308-0d9a-4c4c-952d-9ff830331097

Dardi

cita 1

 

blank_ad2

Terzani Ceramiche

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

 


Autore

Edoardo Dardi Mussa

Lascia un Commento