Warning: file_get_contents(https://www.googleapis.com/youtube/v3/search?part=id%2Csnippet&channelId=UC3NqnLDeAyNUEFoqQrfZMUQ&eventType=live&type=video&key=AIzaSyBoiWz6RTEWyFSdU7-m5-sjPRkde4-13aA): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.0 403 Forbidden in /web/htdocs/www.brontolodicelasua.it/home/wp-content/plugins/youtube-live-stream-auto-embed/includes/yt-live-player.php on line 41
<br>Vai a tutti i filmati cliccando sotto su YouTubeYoutube_icon_logo

CCCCCCCC

<br>
NEWS 2019

ASTI: ALLA CENA DEGLI AUGURI DI SAN SECONDO PRESENTE VALTER PUSCEDDU

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

23 DICEMBRE 2019

Chiedo scusa al Rione San Secondo per il ritardo nella pubblicazione.

“Sabato 14 Dicembre alle ore 21 nei locali del del Seminario Vescovile della diocesi di Asti, il Rione San Secondo ha tenuto la consueta “Cena di Natale”  

Oltre un centinaio di persone hanno preso posto all’interno del refettorio della struttura che venne edificata a partire dal 1763 dal vescovo Maurizio Caissotti su progetto di Benedetto Alfieri. 
All’interno di questa sala imponente ove si coglie ancora oggi  la storia e l’importanza  della chiesa di Asti, si è srotolata la serata, attraverso portate cucinate magistralmente dai nostri cuochi, servite con gioia e apprezzate dai commensali.
Centrale è stato il discorso tenuto dal Rettore Gianluca Assandri dove con commozione e puntualità, attorniato dal direttivo,  ha tracciato un bilancio dell’anno che sta volgendo al termine e le linee guida che porteranno il Rione San Secondo a correre il palio con il fantino Valter Pusceddu.
Molto interessante il racconto del luogo e la storia dell’edificio tenuto dalla dott. Elisa Bordin che ha dato ulteriore importanza alla serata.
E poi … vino, canti, cori e l’immancabile lotteria che ha chiuso la serata.
Giunga a Tutti voi questa magica atmosfera così come i nostri sentiti Auguri di Buone Feste.
Rione San Secondo”
Dardi
blank_ad2

Terzani Ceramiche

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

 


Autore

Edoardo Dardi Mussa

Lascia un Commento