--------------LE ULTIME NEWS-------

Nel prossimo Palio di luglio 2018 correranno d’obbligo: Chiocciola, Nicchio, Oca, Drago, Lupa, Istrice e Valdimontone

Nel prossimo Palio di agosto 2018 correranno d’obbligo: Leocorno, Pantera, Civetta, Drago, Tartuca, Nicchio e Giraffa

blank_ad2 romana BANNER BRONTOLO ars neoN BANNER BRONTOLO ars neoN BANNER BRONTOLO ars neoN BANNER BRONTOLO
MINISTERI

SUNTO E IL CONSORZIO DEI PALII, E’ L’UNICO CHE LEGGO PER LE CAPPERATE CHE DICE, LA RISPOSTA AL PROF. PAOLO BOTTI NE E’ UN’ALTRA!!!

SUNTO GRANDE
blank_ad2

blank_ad2

Terzani Ceramiche

blank_ad2

ars neoN BANNER BRONTOLO



ars neoN BANNER BRONTOLO

02-Ottobre-2017

1Pp

Il Prof. Paolo Botti nella sua lettera a Sunto ha centrato in pieno il problema, che tra l’altro Brontolo sta  evidenziando dall’inverno, quello di creare un fronte comune per contrastare le varie normative a doc per arrivare a cancellare piano, piano tutti i Palii. Tra l’altro il discorso sui cavalli anche quello giustissimo. lettera Prof. Botti La cosa più importante è che Siena non è più immune. Ricordiamoci che questi scienziati ai ministeri se ne stra fregano delle tradizioni e della storia dei popoli, che tra l’altro è anche la loro, ma gli interessa solo il potere, le poltrone, i voti e, come dice il Prof. Botti il 1.000.000 di voti degli animalia gli fanno gola e subiscono i loro ricatti. Guardate Berlusconi che si  fece ritrarre con gli Agnellini in braccio dicendo che a Pasqua non li avrebbe mangiati più. L’animalia Brambilla, che era una trombata politica si è riciclata con gli animali e ora ha fatto anche il partito, verrebbe da dire: pora Italia…. Bene, ritornando al discorso il creare un fronte comune di Palii, Quintane, Giostre e includendo anche le belle manifestazioni Sarde e altre che sono in giro per l’Italia che hanno a che fare con gli equidi, come li chiamano ai ministeri, di voti se ne raggiungo 4 volte tanto quelli degli animalisti. Allora sai che fine farebbero tutte le restrizioni e le normative che mettono fuori i ministeri assieme agli animalai? Finirebbero nel cestino dell’immondizia!!! La cosa che mi piace far notare è che parlo di un Consorzio di tutela, no di un partito perché se entriamo in un discorso politico siamo rovinati. Siena, dicevo, non è più immune perché ha perso, grazie ad altri scienziati, la cosa che la proteggeva davvero e che faceva comodo a tutti, non che dare benessere alla città, la Banca  Monte dei Paschi di Siena e la Fondazione Monte dei Paschi. Questo scudo non lo abbiamo più, pur troppo, quindi siamo diventati altro che vulnerabili!!! Con i casini che ci sono oggi a Siena nel mondo paliesco credo che una telefonata del Presidente di tetta Banca, quando era davvero una Banca, avrebbe risolto tutto, è inutile fare gli ipocriti e dire che non sarebbe stato così. Quindi, caro Scrivacchino al solito l’hai fatta di fuori. Ogni Palio deve avere la propria identità e guardarsi le  sue cose ma, l’interesse e la loro tutela deve essere comune altrimenti ci fanno smettere!!! Va indetto un congresso di tutti a breve per creare questo consorzio e ripeto, altrimenti saranno dolori e non vi illudete non solo per i Palii. Brontolo

cita 1

blank_ad2

Autore

Pier Camillo Pinelli

EX FANTINO DEL PALIO DI SIENA E LA PENSO COSI': "PER FARSI DEI NEMICI NON E' NECESSARIO DICHIAR GUERRA BASTA DIRE QUEL CHE SI PENSA"
Martin Luther King. per mail: camillopinelli@gmail.com

Lascia un Commento

/* ]]> */