<br>Vai a tutti i filmati clikkando sotto<br> Youtube_icon_logo   <br> PALIO ASTI IN COLLABORAZIONE CON SARA
FANTINI INTERVISTE

PIRAS STEFANO INTERVISTATO DA MIRIANA

piras
blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

09 LUGLIO 2018

Miriana intervista Stefano Piras ragazzo che in diverse occasioni ho fatto presente la sua capacità tecnica e non solo. Si è messo in mostra Stefano facendo vedere i cavalli che montava in positivo, vincendo corse e facendoli scorrere veramente con mestiere. A parte che è un ragazzo d’oro, mi rimane poi simpatico per il suo modo di parlare flemmatico e con un misto di cadenze, sardo, francese, inglese, milanese che lo rendono particolarmente accattivante. Leggiamo la breve intervista di Miriana.

Stefano Piras nasce a Lanusei il 14 gennaio del 1986. Lo trovo qui a Siena, dove lo si è visto impegnato nelle prove di notte  con Urbina Bella e Tristezza ( scuderia Bruschelli) dei giorni scorsi e alla tratta del 29 sempre con la cavalla Tristezza, che si è fatta quindi notare e si è presa un posto nella batteria di recupero a poche ore dell’assegnazione.

“Ritorno a Siena dopo 15 anni trascorsi a Varese.
Anche lì lavoravo in scuderie che propongono però cavalli per corse regolari. Nel mentre qualche impegno ho continuato a tenerlo anche qui in questo circuito, nelle corse di provincia. In questi anni ci sono state diverse Provacce a Legnano, un Palio a Castiglion Fiorentino, due vittorie su tre ad Abbiategrasso, una importante vittoria al Gran Premio di Legnano con il cavallo Gaiosy Locos. A Pian delle Fornaci e a Monticiano quest’anno ho fatto delle vittorie e qualche bel piazzamento. Tra le tante esperienze lontane dalla Toscana e da casa mia, la Sardegna, importante per la mia formazione è stato l’anno trascorso da Maurizio Guarnieri, un allenatore senese della contrada dell’istrice, che negli anni è poi riuscito a costruire una realtà importante in Francia, meritatamente.

7p

Perché solo ora quindi un approdo vero e proprio qui a Siena?
“Perché mi è bastato per un po’ il mondo delle corse regolari, e certe scelte prese di cuore, che mi hanno spinto a seguire un percorso che includeva un trasferimento effettivo in terra senese. Ho avuto la fortuna di trovare la porta aperta dei Bruschelli, che lavorano bene e tanto.
Il mondo dell’ippica è un ambiente che resta comunque difficile. Il fatto che non abbia più motivo e tempo da perdere nella speranza che le cose migliorino, mi ha indotto a buttarmi nuovamente e a testa bassa ancora in questo ambiente, in questo tipo di corse. Anche umanamente parlando avevo fame di incontri nuovi, di battere la testa laddove avevo deviato anni fa.

E piazza del Campo?
“Piazza del Campo è il sogno. Dieci anni fa ci feci le prime prove, venni anche preso in considerazione dalla contrada della Selva,  con l’allora Capitan Barabino.  Certe emozioni sono sempre lì, a ricordarti il perché si corre.”

In bocca al lupo caro Stefano.

“Crepi, Ringrazio tutti voi”.

Miriana per Brontolodicelasua grazie.

cita 1

Autore

Pier Camillo Pinelli

EX FANTINO DEL PALIO DI SIENA E LA PENSO COSI': "PER FARSI DEI NEMICI NON E' NECESSARIO DICHIAR GUERRA BASTA DIRE QUEL CHE SI PENSA"
Martin Luther King. per mail: camillopinelli@gmail.com

2 Commenti

  • La sua passione per i cavalli si è manifestata da bambino.
    Seguiva tutte le gare ippiche in tv e non solo.
    Accudiva tutti i cavalli di amici che erano in zona.
    Ha attraversato anche momenti difficili con qualche incidente, ma il suo amore per i cavalli supera ogni difficoltà. Non ultima la lontananza dalla sua famiglia e, dalla Sardegna.
    Stefano è un ragazzo d’oro . Sempre disponibile che ha fatto d ell amore per i cavalli la sua ragione di vita.
    Forse avrebbe meritato di più.

Lascia un Commento