PALIO SIENA FANTINI 2018

IL PENSIERO DI BRONTOLO MIRIANA PER MARI IL DRAGO E ROCCO NICE

be986ebc-ea95-4de4-b8c1-79c4f6ae30cb
blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

05 LUGLIO 2018

Mriana monta questo suo filmato e scrive questo pensiero per Mari, il Drago e Rocco Nice, sta imparando la Brontolina spinta dalla grande passione.

1Pp

Di questo contributo alla vittoria del Drago ne vado felice. Sara’ perché Rocco Nice è un cavallo che da subito ammalia, e quindi nella frenesia dei giorni che sono seguiti la tratta mi sono trovata ad osservarlo con un occhio di riguardo in più. E quindi racimolare un po’ di materiale  al fine di crearne un piccolo omaggio mi ha emozionata. Rocco Nice da debuttante sulla piazza ha portato la contrada di Capitan Fabio Miraldi  alla  vittoria dopo soli quattro anni dall’ultima con Ricceri su Oppio . Allenato dal Mannucci, è subito certezza di una buona riuscita del Palio. E il Mari lo sa, tanto che conferma di indossare la giubba della contrada di Camporegio ad assegnazione appena conclusa. E’ un Mari che punta alla vittoria,  come chi, con lui, si gioca quella sesta vittoria che fa la differenza. Punta dritto davanti a sé, alla mossa che gli permetta di avere da subito la meglio, ad imporsi. Non  ci sono contrade nemiche per il Drago in questo Palio della Madonna di Provenzano ne in altri, non li ha. L’obiettivo è solo uno: vincere.
A tarda notte, a conclusione del consueto incontro delle reggenze di contrada a Palio concluso, avvicinare il fantino a cui la sorte e il sacrificio hanno dato in premio questa nuova consacrazione è cosa forte. È difficile farsi dire qualcosa di più di quello che la corsa non abbia già saputo suggerire. E quella determinazione ed intelligenza necessarie a stringere quel Palio tanto bramato e per altro opera di un contradaiolo del Drago, Enrico Giannelli, stanno lasciando spazio ad un sospirato desiderio di riposo. C’è tutta l’adrenalina, il brivido, il sogno in quel corpo atletico che ancora non si spoglia della giubba. E la sensazione che quello sarebbe stato un giorno fortunato per lui, e così è stato. Sapeva di potercela fare, e non si è sbagliato.

Ad Andrea Mari, Rocco Nice e tutta la contrada del Drago.

Miriana per Brontolodicelasua

cita 1

Autore

Pier Camillo Pinelli

EX FANTINO DEL PALIO DI SIENA E LA PENSO COSI': "PER FARSI DEI NEMICI NON E' NECESSARIO DICHIAR GUERRA BASTA DIRE QUEL CHE SI PENSA"
Martin Luther King. per mail: camillopinelli@gmail.com

Lascia un Commento