--------------LE ULTIME NEWS------- blank_ad2 romana BANNER BRONTOLO ars neoN BANNER BRONTOLO

DUE CHIACCHIERE CON CARBONI

venerdì 30 gennaio 2015

CONOSCIAMO GIOSUE’  

Due chiacchiere con Giosuè Carboni.
Ho preso il mio furgoncino 50 e sono andato alla scuderia Milani che sta cambiando strutturalmente. I Box li ha dovuti portare in piano dove ha anche la pista, 16 box a vista otto da una parte e otto dall’altra, nuovi, nuovi in legno. Alla sinistra dei Box c’è il capannone di pvc dove Milani ci fa lavorare i cavalli passo e trotto quando piove o fa particolarmente freddo, il capannone coperto, troppo comodo, lo so dai tempi che ero da Canapino, lo avevamo,  quello era a Mattoni coperto con il devastante Eternit. Chi  mi legge sa che io non vado mai a guardare i cavalli se non me lo richiedono i titolari e, a dire il vero ieri sera meno che mai, perché alle ore 18 laggiù c’era una bella zizza, in verità in un box seguendo Carboni ci sono entrato, ma per ripararmi dal freddo. Pur “troppo” le scuderie vanno fatte in piano, così come le piste, li a pochi metri c’è anche quella come scritto, nel piano dove il freddo abbonda e se è in buca come pur troppo è questa. E’ una bella scuderia anche se è ancora da terminare. Mi vado a rifugiare nel mio furgoncino ed aspetto che Giosuè termini di sistemare i cavalli. Alla Scuderia tutti imbacuccati c’erano due proprietari e il giovane Gigi Carrus con un piede ingessato, si è fatto male a Newmarket aspetta di guarire per ritornarci, mentre Massimo Milani non era ancora arrivato. 
A mettere a posto i cavalli c’era anche l’ex barbaresco dell’Oca, di cui mi sfugge però il nome.
Finito di sistemare i cavalli Giosuè ed io ci andiamo a sedere dentro un furgoncino Fiorino per fare la nostra chiacchierata e stare così un pochino più al calduccio.
Io metto in fronte la mia luce da minatori per poter vedere e rileggere le domande che mi sono scritto.
Giosuè quanti anni hai ?
Trentaquattro 
La passione dei cavalli e delle corse come viene fuori?
Da piccolo Babbo aveva le bestie tra cui i cavalli che allevava anche ed allora aveva anche i cavalli da corsa, uno ha poi corso anche il Palio.
Dove l’ha corso?
Nell’Oca con Franco Casu, era Quinper. Babbo ha mandato diversi cavalli qui a Siena da Furio Brocchi, e da Tonino Cossu.
In toscana quando sei venuto?
Nel 2013 da Tonino Cossu a Orgia e a Pian delle Fornaci
Il Palio quando lo hai visto la prima volta?
L’ho visto nel 1990 vinse Cianchino nel Montone, avevo 9 anni e mi rimase stampato in mente.
Come hai cominciato poi la tua carriera di fantino?
Lavoravo in campagna, ma la passione per i cavalli era sempre più forte. Allora comincia ad andare a montare da Pinna la mattina presto, presto, mi facevo 70 chilometri ad andare e 70 per tornare, ci andavo per imparare, sai Pinna aveva tanti cavalli ed era ed è anche bravo. Poi il pomeriggio facevo le altre cose nella nostra campagna. 
Serio, rimugina mentre parla del suo passato. Ragazzo Sardo vecchia maniera, di quelli che sacrificio e responsabilità sanno cos’è.
Giosuè che pretende da se stesso?
Niente!! Pretende solo una cosa: vuole ricorrere il Palio di Siena, per far vedere agli altri che Giosuè non quello del Palio 2011 nella Tartuca!!
Che intendi che non è quello?
Che io non sono quello li, che a quel Palio non era il vero Giosuè!!!
Sinceramente che ti devi rimproverare a quel Palio che poi devo dire ti ha e ti sta condizionando molto la carriera?
Forse volli far vedere troppo e con troppa foga quello che sono, forse pretesi troppo da quel cavallo in quel momento. Il cavallo poi ha vinto, con Gigi, e Gigi oltre che essere molto bravo sa sistemare bene anche le cose, basta vedere come ha vinto. Io ho preteso troppo in quel momento da Ivanov, se lo riprendevo in mano ragionando di più e impostando meglio la curva il cavallo non mi si sarebbe parato e andava  probabilmente diversamente, sopratutto non sarei caduto, via Camillo, ho avuto l’occasione e volevo far bene e far vedere che posso essere fantino da Piazza e l’irruenza in quel caso mi ha tradito, io non sono quello, mi piacerebbe tanto poterlo dimostrare.
Il ragazzo solitamente è sempre scherzoso, ma ora, al contrario è rattristato,  sotto questa amarezza si sente però il ragazzo Sardo testardo e forte di carattere.
A cosa avresti voluto assistere che però non c’eri o non eri nato? Pensa un poco e poi:
Hai tempi dei Romani, essere un Legionario vedere le tattiche che avevano, come conquistavo il mondo, andare per i Mari con quelle navi, fare le battaglie con quelle spade corte e quegli scudi a corpo a corpo, èhh poi magari morivo che m’ammazzavano subito, però…..
Eccolo il Giosuè solitamente scherzoso e simpatico.
L’intelligenza Giosuè, secondo te, libera o imprigiona?
Avvolte libera avvolte imprigiona.
Nel senso?
Che se pensi troppo certe cose non le fai, ci sono occasioni che bisogna andare d’istinto.
Il futuro è meglio aspettarlo o anticiparlo?
Ogni evento ha il suo corso, allora conviene aspettarlo.
Il punto di svolta della tua carriera quindi?
No!! Non c’è mai stato, ma spero arriverà!!!
Meglio i rimorsi o i rimpianti?
Ma sai ormai sono cose passate tutte e due, ma forse tra le due meglio un rimorso.
Tu vivi da solo? Fatta la domanda sentiamo bussare al parabrezza del fiorino urlando e sorridendo domandare: Camillo che fai? È arrivato massimo Milani anche lui tutto imbacuccato, dalla papalina a tutto quello che può riparare dal freddo, zitto gli dico che registro, alza la mano scusandosi e va ai box, credo, perché non lo vedo più.
No, con la mia ragazza che è Sarda anche lei, abitiamo a San Andrea.
La tua ragazza che cos’è per te?
 
È tutto, io non ho i miei qui, quindi con lei mi confronto, gli dico i miei problemi, lei mi consiglia, è il mio amore, la mia spalla, diciamo così!!
La sua voce solitamente squillante si è di punto in bianco addolcita, èhh l’amour …..
Quale è secondo te la corsa meglio che hai fatto che ti sei detto: bravo Carboni??
Penso di averne fatte diverse che mi son sentito bravo, anche se, come sai meglio di me a cavallo e in corsa di imparare no si finisce mai. Una che ricordo particolarmente è a Monteroni nel 2011 con Indianos, un cavallo a fondo arabo che non aveva vinto mai da nessuna parte, in quella corsa c’erano anche cavalli buoni, li fregai tutti alla prima curva ed andai a vincere una bella gara. Un’altra in Piazza per la Tratta che mi dissi bravo, perché sai in Piazza, anche se per la Tratta, è sempre Piazza, fu con Falena, la feci bella davvero.
Che è per te montare in Piazza?
Io ogni volta che monto in Piazza è sempre come la prima volta emozione, soddisfazione, gioia, sono delle soddisfazioni appaganti che non provo da nessun altra parte, più va il cavallo più mi emoziono e più mi piace andare, proprio mi garba a bestia girà li dentro….
Ha detto questo con aria e voce trasognante, come se parlasse di una donna di cui è innamorato. 
Tu appari come realmente sei o sei come appari ? Non ci pensa un attimo e:
Io sono come appaio!  E forse è un difetto…
In che senso?
È che io sono un buono, non lo tiro in tasca ad un altro,  fo il mio, poi se viene, viene, altrimenti pazienza e vado per la mia strada.
E invece in corsa come sei?
In corsa cambio, divento anche “cattivo” 
Che vuol dire cattivo?
La cattiveria è tutto, è quella che ti fa vincere e io voglio sempre vincere, se mi passi se posso non te lo permetto, ti chiudo e se cadi, in corsa si casca anche…..
Quale è la tua canzone preferita?
Quella di Vasco:  Eh già
 Senti ma non c’è nessuna contrada che ti domanda, che ti butta la qualche “parola”?
Si c’è, ma c’è sempre più o meno stata, però poi non si è mai concluso con nessuna…
Riecco l’amarezza nel viso che ho visto anche prima.
I Palii fuori invece quali farai?
Devo andare a Ferrara contrada San Benedetto, a Feltre nella contrada Castello e ancora dobbiamo decidere chi sarà l’altro fantino sai che li corriamo in due per contrada, come a Castiglion Fiorentino che monterò nella contrada Porta Fiorentina e anche qui dovremo decidere chi sarà l’altro fantino. 
Quale è la cosa che ti infastidisce di più nella vita?
Le persone che non mantengono la parola data, la parola è la parola per me!! 
Ecco il ragazzo sardo che dicevo prima, il ragazzo “agreste”, che sa cosa vuol dire essere uomini e che molti ragazzi Sardi lo devono imparare prima di altri. 
Quale è il tuo film preferito?
Ripete la domanda facendo una risata.
Un fil che parla della Scozia 
Senti la vita va presa per le Corna o accarezzata?
Va accarezzata perché è bellissima!!
La vita è un sogno o i sogni aiutano a vivere meglio?
 Se uno smette di sognare è finita!!
Lo dice con voce ferma e decisa, ne è pienamente convinto.
Quale è il tipo di cavallo che preferisci?
Mi piacciono i cavalli che tirano, quelli aggressivi, di carattere.
Credi in quello che fai o fai quello in cui credi?
Madonna Camillo….?? ripensando e ripetendo la domanda.
Dai gli dico: le chiacchierate le faccio così altrimenti di che sanno? Sorride e poi:
Io credo in quello che fo! è diversi anni che sono qui dal Milani e la passione dei cavalli e delle corse me la porto dietro da bambino ormai. Quindi si, credo in quello che fo!!!
Invece il giorno del Palio quando sei uscito dall’Entrone?
Ecco, pensai, siamo arrivati al dunque!! La soddisfazione e l’adrenalina a mille!!
Meglio essere o apparire?
Sicuramente meglio essere.
Meglio non avere i debiti morali o materiali?
Meglio non averne sicuramente morali.
Fatti una domanda e datti una risposta, Giosuè che domanda a Carboni?
Sarà banale Camillo ma la mia domanda è: lo ricorrerai il Palio di Siena? 
Si sicuramente si, devo far vedere chi è il vero Carboni.
Che rapporto hai con il denaro?
Dicono che i soldi fanno la felicità, è anche vero, ma se ci sono bene e se non ci sono in qualche modo si farà!!!
Che cos’è la fortuna? Risposta immediata:
L’amore e la salute !!!
La  nostra chiacchierata è finita Giosuè corre svelto a sistemare gli altri due cavalli sistemati momentaneamente in due Box dentro il capannone di pvc. Io saluto Milani e gli atri che erano li. L’idea di stare nel Fiorino è stata vincente ci siamo salvati dal freddo e vi garantisco che l’altra sera era veramente forte.
Giosuè è un ragazzo simpatico semplice, come ho scritto alla vecchia maniera, sincero e schietto, un ragazzo agreste l’ho definito, nel senso che ha vissuto in campagna conosce il sacrificio, il lavoro e quando parla di cavalli si sente l’entusiasmo del fanciullo, anche se è uomo. Bello quando dice la vita va accarezzata, voi non avete potuto sentire la dolcezza quando lo diceva, si sente innamorato della vita, della sua ragazza. Semplice come quando risponde spontaneamente, la fortuna: Amore e salute. Un ragazzo che conosce il valore dei soldi ma non ne è affatto condizionato, non è certo uno che si perde d’animo, se non ci sono si lavora è questo il suo credo accompagnato da un entusiasmo dire fanciullesco. Personalmente credo che questo ragazzo meriti veramente un’altra possibilità, serio ed affidabile, coraggioso e anche capace, forse ancora grezzo ma efficace. Grazie della chiacchierata Giosuè auguri per la vita, e in bocca al Lupo per il proseguo della carriera.
Grazie Brontolo
CITA

Lascia un Commento

/* ]]> */