Warning: file_get_contents(https://www.googleapis.com/youtube/v3/search?part=id%2Csnippet&channelId=UC3NqnLDeAyNUEFoqQrfZMUQ&eventType=live&type=video&key=AIzaSyBoiWz6RTEWyFSdU7-m5-sjPRkde4-13aA): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.0 403 Forbidden in /web/htdocs/www.brontolodicelasua.it/home/wp-content/plugins/youtube-live-stream-auto-embed/includes/yt-live-player.php on line 41
<br>Vai a tutti i filmati clikkando sotto<br> Youtube_icon_logo   <br> PALIO ASTI IN COLLABORAZIONE CON SARA
GIOSTRE E QUINTANE 2018

AREZZO: Il Quartiere di Porta Santo Spirito vince la 137.ma Giostra del Saracino

40548473_10160798941670324_5521293094525337600_n
Scritto da parnetti
blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

blank_ad2

Il Quartiere di Porta Santo Spirito vince la Lancia d’Oro dedicata ai cento anni dalla fine della prima guerra mondiale e conquista la 36esima vittoria con la quale si porta a una sola lunghezza da Porta Sant’Andrea e Porta Crucifera nell’albo d’Oro. La pioggia, clemente, non ha impedito il regolare svolgimento della manifestazione che si è aperta col meraviglioso spettacolo degli Sbandieratori di Arezzo e con le note del Gruppo Musici che, per omaggiare la particolare dedica della 137esima edizione della Giostra del Saracino, hanno eseguito “La canzone del Piave”.

40470530_10160793608380324_5177280202824220672_n gli otto giostratori

A scendere per primo sulla lizza è stato il Quartiere di Porta del Foro con Andrea Vernaccini che ha aperto la piazza con un 4, seguito da Gianmaria Scortecci che è andato dritto sul 5. Cinque anche per Lorenzo Vanneschi per Porta Crucifera, mentre Tommaso Marmorini dopo il cinque con cui ha vinto la Giostra di giugno, non è andato oltre il 2.

Si riparte con Porta del Foro. Davide Parsi conferma il risultato del compagno di casacca: 4 anche per lui. Poi è la volta di Elia Cicerchia che colpisce il Buratto, ma la carriera è ritenuta disturbata e viene fatta ripetere: è 4. Tocca ad Adalberto Rauco per Porta Crucifera, anche lui colpisce il 4. Colcitrone e Santo Spirito sono entrambi a quota 9. Enrico Vedovini fa una carriera perfetta e cancella il centro, un 5 che non serve per restare in gara ma che fa guadagnare al giostratore biancoverde gli applausi di tutti i quartieri. Si va agli spareggi. Porta Santo Spirito sceglie Gianmaria Scortecci, autore del primo 5, e il giostratore gialloblu colpisce di nuovo al centro del tabellone. La piazza esplode. Anche Porta Crucifera manda in lizza l’autore del primo cinque, ma Lorenzo Vanneschi si ferma sul 2. Santo Spirito, con due cinque di Scortecci e il 4 di Cicerchia, vince la 137esima edizione della Giostra del Saracino e si porta a 36 vittorie riportando ai Bastioni la preziosa Lancia d’Oro realizzata da Gustavo Aceves.

(Roberto Parnetti)

 

Autore

parnetti

Lascia un Commento